Come nasce il MOV

A fine luglio 1991 è stata approvata in via definitiva la Legge-quadro sul volontariato (Legge 11 agosto 1991, n.266), in tale circostanza si promosse la nascita di una associazione di volontariato precisando che esso non dipende dal governo centrale, ma è in rapporto con le istituzioni a livello locale.
Nel corso del dicembre dello stesso anno si è svolto a Roma il convegno “Volontariato aperto al mondo”, organizzato con lo scopo di lanciare l’idea del volontariato internazionale in tutte le istituzioni dell ‘Opera Don Orione precisando che, se è importante la dimensione internazionale, è prioritaria l’animazione del volontariato in tutte le comunità, con una rete che sia prima attiva su base locale, per poi espandersi sempre più.
Un volontariato teso a creare la cultura dell’attenzione, la coscienza della responsabilità, l’impegno
della condivisione, la volontà di creare giustizia.
Nel 1993 è stato costituito a Roma il Movimento Orionino Volontariato (M.O.V.) nazionale con lo scopo di rilanciare l’impegno del Volontariato all’interno della specifica vocazione dei laici cristiani, che vogliono ispirarsi alla spiritualità orionina.
L’associazione trae i suoi principi dallo spirito di Don Orione, chino su ogni miseria umana, e intende impegnare tutti i membri a mettere generosamente, a titolo gratuito, il proprio tempo e le proprie capacità – con spirito cristiano
e atteggiamento di solidarietà – a servizio di chi ha bisogno.
Nel 1995 viene fondata anche a Messina la sezione locale del MOV che assume la denominazione “il Ponte”.
Particolare merito si deve riconoscere a don Domenico Crucitti che ha promosso e sostenuto dagli ’90 ad oggi, l’impegno organizzato e gratuito dei volontari orionini in tutte le città dove è presente l’Opera Don Orione.

I commenti sono chiusi